HOMEPAGE - ESCURSIONI - ESCURSIONI VALLE BREMBANA - PIZZO ARERA - CATTEDRALE VEGETALE
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
IL SENTIERO DEI FIORI 'CLAUDIO BRISSONI' - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8
Stelle alpine

IL SENTIERO DEI FIORI 'CLAUDIO BRISSONI'

Le pendici del Monte Arera ogni estate si colorano di spettacolari fioriture: un giardino botanico d'alta quota lungo cui si snoda un bel sentiero. Nel Parco delle Orobie Bergamasche tra Valle Brembana e Seriana, in Alta Valle Serina, nel Comune di Oltre il Colle (BG)

Linaria bergamasca
Si puo' raggiungere da tre punti di accesso
1. Da sud, dal Rifugio Capanna 2000 (Oltre il Colle), raggiungibile, quest'ultimo, a piedi in circa h.1.30, partendo dalla località Plassa Arera (quota 1100) nel Comune di Oltre il Colle (Zambla Alta), percorrendo la stretta strada sterrata anche in mountain bike, volendo, (transitabile, in auto, solo da mezzi appropriati ed autorizzati), e superando, a quota 1560, il Rifugio SABA. Dal Rifugio Capanna 2000 ci si immette nel Sentiero dei Fiori
VEDI IN GRANDE
Panoramica a 360° dal Rifugio Capanna 2000 verso i monti circostanti e, in lontananza, la pianura
2 .Da Nord, dalle Baite di Mezzeno (1591 mt.) di Roncobello, percorrendo il sentiero CAI n. 218 fino al Passo Branchino (1821 mt) in poco più di un'ora, salendo poi alla Bocchetta di Corna Piana (2078 mt.) e seguendo il Sentiero dei Fiori nella Valle del Mandrone fino al Passo di Gabbia (mt. 2080) e raggiungendo poi il Rifugio Capanna 2000.
Panoramica a 360° dalla Bocchetta  di Corna Piana sul Sentero dei Fiori e dintorni
Panoramica a 360° dalla Bocchetta di Corna Piana verso il Sentiero dei fiori (zona Mandrone d'Arera) e monti e valli circostanti
3. Da Valcanale, in Alta Valle Seriana, (in circa 3 ore, salendo dal Rifugio Alpe Corte, con sentiero CAI n. 218 fino al Passo Branchino, e proseguendo poi col sentiero CAI n. 222
Cartina percorso Sentiero dei fiori
Cartina1
Cartina percorso Sentiero dei fiori
Cartina2

Come arrivare ai punti d'accesso:Tracciato-percorso-tempi

L'intero percorso del Sentiero dei Fiori presenta una serie di fioriture, che variano in relazione all'evolversi della stagione, ai versanti, alle quote d'altitudine, alla composizione del terreno.
In questo ambiente trovano rifugio alcuni 'tesori' della flora alpina: specie scampate alla morsa dei ghiacciai.
Lungo ilo Sentiero dei Fiori, tra la fine di giugno e la prima metà di agosto, si possono osservare, tra le altre, le seguenti rarità: la Linaria Bergamasca, la Silene d'Elisabetta, la Campanula dell'Arciduca, l'Aglio insubrico, il Caglio del Monte Arera, il Papavero giallo, la Sassifraga della Presolana.
Grazie all'opera di ricerca svolta dal gruppo Flora Alpina Bergamasca (FAB), fondato da Claudio Brissoni nel 1987, l'area in cui sono presenti queste specie rare si è estesa per la scoperta in altre zone delle Alpi Orobie, ma l'Arera rimane la più importante e significativa per il fatto che le rarità sono presenti in forma concentrata, mentre altrove sono disperse su un'area molto più vasta comprendente l'intero arco delle Orobie.

Panoramica a 360° sul Mandonr
Panoramica a 360° dal Passo di Gabbia sul Sentiero dei fiori e monti circostanti

La Mostra permanente aperta presso il Rifugio Capanna 2000 in omaggio a Clauio Brissoni
A Claudio Brissoni
il merito della scoperta
e valorizazione
del Sentiero dei Fiori

La figura di Claudio Brissoni, scopritore del Sentiero dei Fiori e fondatore del FAB
L'associazione
Flora Alpina Bergamasca,
fondata da Claudio Brissoni
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

IL SENTIERO DEI FIORI 'CLAUDIO BRISSONI' - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7

Vedi i fiori

Percorsi MTB -  Capanna 2000 - Sentiero dei fiori - Val Vedra
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
©2006 - Piero Gritti