HOMEPAGE - ESCURSIONI - ESCURSIONI VAL BREMBANA

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pizzo Baciamorti ( 2009 m) - monte Aralalta (2008 m) con SODADURA (2011)

Primaverile (17 maggio 2007) - Autunnale (5 dic. 2012) - Autunnale (26 ott. 2013) - Autunnale (8 nov. 2014)
Autunnale (8 dic.2016)
- Autunnale (20 sett. 2017) - Autunnale (4 nov. 2019) - Invernale con neve (30 dic. 2019)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Coturnice - Disegno di Stefano Torriani

Pizzo Baciamorti (mt 2009)
monte Aralalta
(mt. 2006)
VALLE ASININA

in Val Taleggio 1 - 2

Salita da Capo Foppa, mt. 1307
(Pizzino di Taleggio)

(h 5,30 circa di cammino, dislivello mt. 700 circa)
Percorso fotografico del 17 maggio 2007

Capriolo maschio - Disegno di Stefano Torriani
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

PERCORSO DI SALITA (h 3)
SENTIERO 153: Capo Foppa (mt. 1307) > Baita Baciamorti (mt. 1453) > Passo Baciamorti (mt. 1540) > = h 1,30
SENTIERO 101: Passo Baciamorti > Baita Rudera (mt. 1613)) > Baita Cabretondo (mt. 1869) > = h 1,00
TRACCE EVIDENTI: Baita Cabretondo > monte Aralalta (mt. 2006) > Pizzo Baciamorti (mt. 2009) = h 0,30

PERCORSO DI DISCESA (h 2,30)
TRACCE EVIDENTI: Pizzo Baciamorti (mt. 2009) > monte Aralalta (mt. 2006) > Baita Cabretondo > = h 0,30
SENTIERO 101:Biata Cabretondo > Bocchetta di Regadur (mt. 1853) = h 0,20
SENTIERO 120: Bocchetta di Regadur > Rifugio Gherardi (mt. 1650) > Quindicina-Capo Foppa = h 1,40

Un fiore raro: la Fritillaria tubiformis sul Pizzo Baciamorti - foto Duilio Gervasoni 12 maggio 07

Per raggiungere Capo Foppa
in Val Taleggio
by Stefano Torriani

Un fiore raro sulle Orobie la Dactylorhiza sambucina
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Escursione abbastanza facile per il percorso sui sentieri 153, 101 e 120, impegnativa invece nella salita al monte Aralalta e al Pizzo Baciamorti, ma senza grandi difficoltà per escursionisti allenati.
Di grande iinteresse paesaggistico-naturalistico-storico.

Percorso tracciato su panoramica dal Cancervo
Percorso tracciato su panoramica dal Cancervo
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Vai in MTB? Ecco i percorsi possibili!
Percorsi MTB zona Piani d'Artvaggio - Passo Baciamorti
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Capo Foppa (mt. 1307), punto di partenza
Si percorre il sentiero 153 per il Passo Baciamorti
Capo Foppa (mt. 1307), punto di partenza
Si percorre il sentiero 153 per il Passo Baciamorti

Con la macchina dalla statale della Val Brembana, dopo l'abitato di S. Giovanni Bianco si prende a sinistra in direzione Val Taleggio. Appena oltrepassato l'abitato di Sottochiesa si prende a destra in direzione Pizzino, dove, all'altezza di uno slargo prima di entrare nel centro del paesino, si prende a destra con indicazione Capo Foppa e rifugio Gherardi. Alla fine della strada, a tratti non asfaltata, si parcheggia l'auto in uno slargo apposito.
Si imbocca il comodo sentiero 153, seguendo le indicazioni del Cartello CAI. in direzione Passo Baciamorti.

Panoramica sul percorso sentiero 153  e 101 per Passo e Pizzo Baciamorti
Panoramica sul percorso sentiero 153 e 101 per Passo e Pizzo Baciamorti
Il sentiero 153 esce dal bosco
Baita Baciamorti (mt.1453) verso il passo
Il sentiero 153 esce dal bosco
Baita Baciamorti (mt.1453) verso il passo

Passo Baciamorti, mt. 1540, chiamato prima 'Passamorti', poi 'Passo Baciamorti' perchè, secondo la tradizione, proprio qui si dava l'ultimo saluto, l'ultimo bacio alle salme provenienti dalla Valtorta (le cui chiese erano state scomunicate con un 'Non expedit' nel 1605 da Papa Paolo V, perché fefeli alla Repubblica Veneta) per venire sepolte nel sepolcreto presso la Chiesa si S. Bartolomeo di Vedeseta (terra del Ducato di Milano e non soggetta alla scomunica papale).Il Passo è un importante crocevia di sentieri orobici, a cominciare dal famoso Sentiero CAI 101, Sentiero delle Orobie Occedentali, che sale da Cassiglio e prosegue per il Rifugio Cazzaniga.

In prossimit´┐Ż del passo
Passo Baciamorti
Segnaletica al Passo Baciamorti
Segnaletica al Passo Baciamorti
In prossimità del passo
Passo Baciamorti
Segnaletica1
Segnaletica2

Per salire al Pizzo Baciamorti, che si presenta davanti al nostro sguardo imponente montagna 'erbosa', si può scegliere tra due sentieri che si staccano sulla sinistra, verso Ovest:
- il più basso, scelto da noi, perché più sicuro, il famoso Sentiero CAI 101 (il Sentiero delle Orobie Occidentali) che ci porterà in quota fino alla Baita Cabretondo (mt. 1869), passando prima alla Baita Baciamorti (mt.1613);
-
il più alto, panoramico, ma meno sicuro e più faticoso, che segue il filo della cresta, adatto per escursionisti abbastanza esperti.

Sul sentiero 101 verso Aralalta
'Orchis mascula' alla Baita Rudera
Sul sentiero 101 verso Aralalta
'Orchis mascula' alla Baita Rudera
Panoramica dal sentiero 101 verso il Passo Baciamorti
Panoramica dal sentiero 101 verso il Passo Baciamorti
Baita Rudera (mt. 1613)
Vista sul percorso di salita dal Passo Baciamorti
Baita Rudera (mt. 1613)
Vista sul percorso di salita dal Passo Baciamorti


In meno di un'ora si raggiunge, seguendo il sentiero 101, Baita Cabretondo a quota 1869, situata su un vasto, panoramico, piainoro erboso. Da qui si prende a destra il visibile sentiero (non segnato) di salita all'Aralalta (mt. 2006), la cui vetta si raggiunge in circa mezz'ora di ripida ma appagante salita.
Vedi la panoramica qui sotto., dove è segnato il percorso di salita all'Aralalta-Baciamorti.

Baita Cabretondo (mt. 1869) su un vasto pianoro erboso
Dall'Aralalta...il Resegone
Baita Cabretondo (mt. 1869) su un vasto pianoro erboso
Dall'Aralalta...il Resegone
Dall'Aralalta il Rifugio Gherardi
L'Aralatae il Resegone dal Baciamorti
Dall'Aralalta...il Rifugio Gherardi
L'Aralatae il Resegone dal Baciamorti
Da cima Aralalta in cresta su comodo sentiero in morbido saliscendi si passa in 10' alla cima del vicinissimo Pizzo Baciamorti (mt. 2009), dove ci accoglie la sorridente Madonnina del C.E.A. (Club Escursionisti Arcoresi). In cresta all'Aralalta e al Baciamorti la vista spazia su un panorama stupendo a 360°.
Panoramica a 360° da cima Pizzo Baciamorti (mt. 2009) 17 maggio 07
Panoramica a 360° da cima Pizzo Baciamorti (mt. 2009) 17 maggio 07
Il Rif. Cazzaniga tra Sodadura e Zuccone Campelli
Il Rif. Cazzaniga tra Sodadura e Zuccone Campelli
Il monte Sodadura
Il sentiero 150 si apre su ampi pascoli ricoperti di crocus in fiore
Vetta Pizzo Baciamorti
Madonnina del C.E.A. in vetta al Baciamorti
Vetta Pizzo Baciamorti
Madonnina del C.E.A. in vetta al Baciamorti
...sullo sfondo la valle di Piazzatorre e di Roncobello
...sullo sfondo il Pizzo Tre Signori, il Trona...
...sullo sfondo la valle di Piazzatorre e di Roncobello
...sullo sfondo il Pizzo Tre Signori, il Trona...
Panoramica dall'Aralalta verso cima Baciamorti e le Alpi Orobie 17 maggio 07
Panoramica dall'Aralalta verso cima Baciamorti e le Alpi Orobie
In vetta al Pizzo Baciamorti
Vista verso Valtorta e il Pizzo Tre Signori
Vista verso la Valle di Ornica
Zoom su Ornica
Per la discesa al punto di partenza, dopo eseere scesi alla Baita Cabretondo, si può scegliere di ripercorrere in senso inverso il percorso di salita oppure, meglio spostarsi percorrendo il sentero 101 fino alla Bocchetta di Regadur (mt 1853) e da qui scendere, sul sentiero 120 (fecendo attenzione in alcuni passaggi), al Rifugio Gherardi (mt. 1650) e da qui raggiungere Capo Foppa, dove abbiamo lasciata l'auto.
LA VALLE ASININA - S.I.C. (Sito d Importanza Comunitaria)
La Valle Asinina, nella quale si sviluppa gran parte del percorso della nostra escursione, fa parte dei S.I.C. (Siti di importanza comunitaria): :aree che interessano alcune parti del territorio bergamasco di riconosciuto valore ambientale: queste aree sono sottoposte a normative europee di tutela ambientale e fanno parte della Rete Natura 2000. Nel territorio della provincia di Bergamo ricadono 16 Sic che interessano in prevalenza la montagna).
L'area della Valle Asinina, solcata dal torrente omonimo e localizzata in Val taleggio, sul versante idrografico di sinistra del torrente Enna, costituisce una convalle del più ampio bacino della Valle Brembana.
Il perimetro si articola dalle pendici del Pizzo Baciamorti a nord fino a spingersi a lambire il torrente Enna a sud, e dalle pendici del Monte Venturosa a est fino al torrente Asinina a ovest. 
Cartina 3D del territorio SIC di Valle Asinina
Panoramica sulla Valle Asinina - S.I.C.( Sito di Importanza Comunitaria)
Panoramica sulla Valle Asinina - S.I.C. (Sito di Importanza Comunitaria)

Pizzo Baciamorti ( 2009 m) - monte Aralalta (2006 m) con SODADURA (2011)

PRIMAVERILE (17 maggio 2007) - AUTUNNALE (5 dicembre 2012) - AUTUNNALE (26 ottobre 2013) - AUTUNNALE (8 nov. 2014)
AUTUNNALE (8 dic.2016)
- AUTUNNALE (20 sett. 2017) - AUTUNNALE (4 nov. 2019)

HOMEPAGE - ESCURSIONI - ESCURSIONI VAL BREMBANA
©2007 - Piero Gritti - Per informazioni: